Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Cookie Richiedi maggiori informazioni

Home » Scuole di Spagnolo in America Latina » Argentina

Impara lo spagnolo in Argentina

Corsi di Spagnolo in Argentina

Studia lo spagnolo in Argentina e scopri un Paese davvero incredibile. don Quijote ti offre una vasta gamma di destinazioni e corsi che ti permetteranno di imparare lo spagnolo in Argentina, mentre ti godrai tutto ciò che questo paese può offrirti.

Scuole di spagnolo in Argentina

Corsi di spagnolo in Argentina

Lezioni esclusive di spagnolo a Buenos Aires

Maggiori informazioni 

  • Dove andare
  • Quando andare
  • Moneta & Costi
  • Cartina dell'Argentina
  • Cultura

Cuyo & il nord-est andino: con i suoi vulcani impressionanti, le sue spettacolari saline ed i suoi cieli magnificamente azzurri, la regione di Cuyo attira i turisti con i suoi differenti paesaggi. Ugualmente rinomata per le sue enoteche, la vita selvaggia e le attività all'aria aperta, questa regione montagnosa lascia ai visitatori la libertà di scegliere tra una moltitudine di attività da svolgere.

Mesopotamia & il nord-est: una regione umida con grandi prati e paludi; la regione della Mesopotamia è conosciuta per l'abbondanza di animali affascinanti e di specie di uccelli. Sono le cascate Iguazu della provincia del Misiones, comunque, a costituire la punta di diamante dei paesaggi del nordest dell'Argentina.

Il Chaco: ricca di pianure selvagge, la regione rurale del Chaco è il cuore delle attività ecoturistiche e soprattutto del birdwatching, grazie alla presenza di più di 300 diverse specie di uccelli. Inoltre, ospita numerose comunità indigene, i Guaraní e i Wichí Chaco, che producono meravigliosi vasi e intrecciano cestini.

La Pampa: un'infinità di distese di prati che circonda Buenos Aires; l'area della Pampa è rinomata per le sue spettacolari gite a cavallo rese estremamente piacevoli dal suo panorama infinito.

La Patagonia ed il Lake District: dai ghiacciai colossali ai deserti aridi, dalle vaste pianure alle scogliere in granito, la Patagonia è conosciuta per i suoi paesaggi contrastanti. Situata nel sud dell'Argentina, la Patagonia e i suoi laghi dal blu intenso invitano i visitatori a godere di un paesaggio naturale e tranquillo, distante dai rumori e dalla frenesia della città.

Tierra del Fuego: un arcipelago situato all'estrema punta del sud America, le isole della Tierra del Fuego vantano spettacolari vette, vasti laghi e foreste verdeggianti. La Tierra del Fuego, formata da una grande isola e da una serie di piccole isolette, offre camminate, pesca e vita selvaggia in una terra paradisiaca ed è il suo parco nazionale di 630km2 a toccare davvero il cuore degli amanti della natura.

Ricorda che nell'emisfero australe le stagioni sono opposte a quelle dell'emisfero boreale. L'Argentina in genere ha un clima temperato, ma al nord c'è una grande fascia di clima subtropicale e al sud prevale, invece, un clima freddo. Nonostante i problemi economici e politici del Paese, l'Argentina si conferma essere una meta sicura per i turisti stranieri. Lo stato di assedio del paese proclamato nel 2001 è cessato e le manifestazioni di protesta continuano sotto forma di dimostrazioni pacifiche. La rabbia della popolazione è indirizzata verso i propri governanti e non contro gli stranieri; si raccomanda comunque prudenza e di evitare per quanto possibile le manifestazioni più grandi, che potrebbero degenerare in episodi violenti.

Valuta: Peso ($)

Cibi

  • Economico: 4-10 dollari americani
  • Medio: 10-20 dollari americani
  • Alto: da 20 in su

Alloggi

  • Economico: 20-30 dollari americani
  • Medio: 30-40 dollari americani
  • Alto: da 40 in su

Fino poco tempo fa, l'Argentina era un Paese costoso da visitare, talmente costoso che gli argentini andavano in vacanza in Paesi più “economici”, come gli USA. La politica economica che aveva mantenuto il rapporto peso-dollaro a 1:1 ha calmierato i prezzi, ma non è riuscita a gestire l'inflazione.

La recente svalutazione del peso ha ribaltato la situazione. Al momento il peso ha dimezzato il suo valore nei confronti del dollaro e non è possibile fare stime accurate di quanto ancora perderà quando verranno sospese le misure cautelative del settore bancario. Ciò potrebbe tradursi in un buon affare per il budget dei turisti, ma solo se l'inflazione resta sotto controllo. Il governo sta imponendo ai negozianti di non aumentare i prezzi perché in una situazione così delicata l'aumento dell'inflazione getterebbe l'economia nel caos. Negli anni '70 e '80 l'inflazione ha superato il 100% per parecchi anni, raggiungendo l'impressionante valore del 5000% nel 1989. A causa dell'economia storicamente instabile dell'Argentina i turisti dovrebbero saggiamente tenere d'occhio l'andamento del mercato di cambio delle valute e gli eventi economici più importanti del paese.

I dollari americani non vengono più accettati ufficialmente, ma al momento è in atto una specie di corsa al dollaro, per cui molti negozianti li accetteranno felicemente. In questo modo otterrete un cambio più conveniente, ma preparatevi a file lunghe, anche di qualche ora.

Non sorprende l'esistenza di un mercato nero nel cambio delle valute, soprattutto per i dollari americani, ma anche per l'euro. Evitate il mercato nero: non solo è illegale, ma potrebbero cambiare le vostre valute con pesos falsi. La soluzione migliore è cambiare la propria valuta a seconda delle necessità, piccole quantità per volta. Ritirare dagli sportelli bancari garantisce il rispetto del tasso di cambio corrente ed è il metodo più sicuro vista la fluttuazione del valore del peso argentino.

Le carte Visa e Mastercard sono le più diffuse ed accettate, ma non contateci troppo: alcuni viaggiatori raccontano di problemi con alcuni commercianti che si rifiutano di accettare il pagamento con carta o con traveler's check. In genere si lascia una mancia pari al 10% e non si è soliti trattare sul prezzo, tranne nel mercato artigianale del nord-est andino.

Le influenze europee si fanno sentire in tutti campi della cultura argentina, dalla letteratura all'architettura allo stile di vita. Tuttavia, nel campo della letteratura, si è verificata una osmosi culturale che ha fatto sì che da questa cultura nascessero molti scrittori di fama internazionale, come Jorge Luis Borges, Julio Cortázar, Ernesto Sábato, Manuel Puig e Osvaldo Soriano. Molti argentini hanno studiato in Europa e la città di Buenos Aires si è sempre mostrata sensibile alle correnti culturali europee nel campo della musica, dell'arte e dell'architettura. Il risultato è che la città adesso è ricca di musei, gallerie d'arte ed è sede di un'importante comunità teatrale. Il cinema argentino ha raggiunto importanza internazionale ed in passato è stato un mezzo per esorcizzare gli orrori della Guerra Sporca.

Il tango, il ballo che ha fatto sognare il mondo con il suo fascino romantico, è probabilmente l'espressione più conosciuta della cultura popolare argentina, ma anche gli altri tipi di musica popolare sono molto diffusi. Lo sport ha grandissima importanza per gli argentini, al punto che si può dire che gli argentini ne sono ossessionati. L' Argentina ha vinto i Mondiali di calcio nel 1978 e nel 1986 ed il grande successo di Diego Maradona (il personaggio argentino più famoso dopo Che Guevara) ha tenuto impegnati i giornalisti sportivi per più 10 anni. Lo spiritualismo e la venerazione dei morti sono profondamente radicati e sono frequenti pellegrinaggi alle sepolture di parenti e personaggi famosi.

Lo spagnolo è la lingua ufficiale, ma molte comunità di immigrati mantengono la loro lingua per non perdere la propria identità. L'italiano è compreso quasi da tutti, (la comunità italiana è la più numerosa tra le varie comunità straniere), così come l'inglese, retaggio della presenza inglese nel Paese. Ci sono 17 lingue indigene, tra cui Quechua, Mapuche, Guaraní, Tobas e Matacos. La carne è il piatto principale dei menu e con carne si intende il manzo. Le grigliate miste (parrillada) sono una scelta obbligata e vengono servite su un vassoio insieme alle altre parti dell'animale: trippa, intestini ed altre interiora. Per i vegetariani, alcuni piatti della cucina italiana come gli gnocchi (ñoquis) rappresentano una piacevole alternativa. Il tè del Paraguay è più un rituale che una bevanda e viene offerto come espressione di accettazione sociale. Le foglie sono accuratamente preparate e l'infuso viene bevuto da una una zucca scavata.

Richiedi maggiori informazioni Prenota ora