Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Cookie Richiedi maggiori informazioni

Home » Spagnolo in Spagna » Granada » La città

La città di Granada

Lo Spagnolo a Granada

Perché studiare lo spagnolo a Granada

LA CITTÀ:

OFFERTA CULTURALE/ RICREATIVA:

Alcune informazioni sulla città di Granada

Granada è la capitale della provincia omonima, situata nell'est dell'Andalusia. Questa regione è caratterizzata dalla presenza di una grande varietà di paesaggi e si può dividere in due zone: una zona costiera, caratterizzata da un clima mite in cui si trova la fertile pianura del Genil; una zona di montagna, dal clima piú rigido, in cui si trova il monte Mulhacén che, con i suoi 3.491 metri di altezza è la seconda vetta più alta della Spagna.

La città di Granada si trova alle pendici della Sierra Nevada vicino i fiumi Darro e Genil. La sua storia si legge nell'architettura dei suoi palazzi che vanno dallo stile arabo al rinascimento del periodo cristiano. Il sultanato di Granada è stato l'ultimo baluardo islamico in Spagna e ancora oggi questa città ha un grande valore simbolico per le due culture.

La città è stata costruita seguendo la linea delle colline sulle quali furono fondati i quartieri antichi della Alhambra e dell'Albaicin, caratterizzati da stradine strette e tortuose che improvvisamente si aprono su panorami meravigliosi. La parte nuova della città si trova in pianura, attraversata da grandi strade come la Gran Vía de Colón e la Calle de los Reyes Católicos, e in questa parte della città si trovano le principali vie dello shopping.

Gli arabi attraversarono lo stretto di Gibilterra nel 711 e conquistarono la città di Granada che all'epoca era solo una piccola città visigota costruita sulla collina de La Alhambra. Gli Arabi fortificarono la città, costruendo delle mura e diedero inizio a un periodo di prosperità economica e culturale di cui ancora oggi resta un'importante traccia nella città. Granada crebbe di importanza nel IX secolo dopo la caduta del Califfato di Cordoba, e raggiunse l'apice nel 1238, quando Mohamed ben Nasar diede inizio alla dinastia nazarì; all'epoca il regno di Granada si estendeva da Gibilterra a Murcia. La dinastia dei Nazarì governò la città durò fino al 1492, quando il re Boabdil fu costretto ad arrendersi e consegnare la città ai re cattolici di Spagna. Durante i tre secoli di dominazione araba la cultura islamica si sviluppò intensamente, lasciando nella città alcune meraviglie architettoniche come l'Albaicin, il Generalife, ma soprattutto la Alhambra, dichiarato Patrimonio dell'umanità. 

Le principali feste a Granada

Richiedi maggiori informazioni Prenota ora