Una delle domande “difficili” relative alla cultura spagnola riguarda i nomi spagnoli, insieme a tutta la storia e la tradizione che la cultura dei nomi spagnoli comporta. Immaginate di essere appena arrivati in Spagna; ora immaginate che vi venga presentata una persona di nome “Pepe García Paredes”. Potreste pensare che il suo nome, in base all'ordine di arrivo, sia: nome, Pepe; secondo nome, García; ultimo nome, Paredes. Ma dopo una settimana o poco più in Spagna, scoprirete che García non è affatto il suo secondo nome, ma piuttosto una parte del suo cognome.

Allora potreste pensare: “Ok, si chiama Pepe e il suo cognome è García-Paredes” (uno di quei curiosi cognomi sillabati). Ma no, dopo circa una settimana ci si rende conto che in realtà si tratta di due cognomi diversi: uno è García e l'altro Paredes. E poi, per complicare ulteriormente le cose, dopo un'altra settimana in Spagna, ci si rende conto che il suo nome di battesimo non è Pepe, ma José.

Che cosa sta succedendo qui? E i nomi spagnoli sono davvero così complicati? La risposta, per fortuna, è no. E in realtà, una volta capito cosa c'è dietro a tutto questo, sarà facile comprendere il sistema dei nomi spagnolo.

Leggi la versione spagnola.

Due cognomi?

Cominciamo con la questione dei due cognomi. Gli spagnoli hanno due cognomi: il primo è il primo cognome del padre e il secondo è quello della madre. Nei Paesi di lingua spagnola, le donne non perdono il loro cognome da nubile, ma continuano a usarlo per tutti gli scopi legali anche dopo il matrimonio.

Questo significa che gli spagnoli collezionano una serie di cognomi diversi? No. Il primo cognome si trasmette di generazione in generazione, mentre il secondo si perde. Vediamo un esempio pratico: José García Paredes sposa María López Garrido; hanno una figlia di nome Rocío, i cui cognomi sarebbero García e López. Quando Rocío García López ha un figlio con Ricardo Benítez Gomez, di nome Manuel, il suo nome completo è Manuel Benitez García, o Manolo per gli amici.

Soprannomi e diminutivi spagnoli: Pepe, Paco, Lola...

Quest'ultimo esempio ci porta alla questione dei soprannomi e dei diminutivi spagnoli. Sembra che quasi tutti in Spagna abbiano un soprannome o un nome “abbreviato”. Il soprannome più conosciuto in spagnolo è quello di chi si chiama José; il soprannome è Pepe, che deriva dall'abbreviazione della vecchia forma di José: “Josepe”.

Un altro caso strano è quello di Paco, Curro e Pancho, che sono tutti abbreviazioni di Francisco. Nel caso di Paco, il nome deriverebbe dall'abbreviazione di “Pater Comunitatis”, il titolo dato a San Francisco de Asís, il fondatore dell'ordine religioso francescano. Curro potrebbe derivare dall'abbreviazione di Pacurro, dal momento che “-urro” è un suffisso diminutivo che viene usato raramente.

Un altro diminutivo che molti pensano sia un nome proprio è il leggendario Lola. In realtà, Lola è solo un modo affettuoso di chiamare una persona di nome Dolores. Da Dolores deriva Loles e da Loles, Lola.

Alcuni soprannomi o diminutivi sono semplicemente abbreviazioni di nomi composti nel tentativo di rendere questi nomi solenni un po' più comodi da usare e vivaci. Chema, per esempio, è in realtà José María; Juancar è in realtà Juan Carlos; e Juanra è in realtà Juan Ramón. Questi tipi di soprannomi sono particolarmente comuni nei nomi femminili. Per esempio, Rosario diventa Charo; Chelo è Consuelo; Maite sta per María Teresa; e María Isabel diventa Merichel.

Alcuni di questi soprannomi vengono dati per motivi più infantili o per rendere più accattivante un nome molto serio per un bambino. Per esempio, Goyo è il nome familiare usato per Gregorio e Chayo per il nome più serio Rosario.

E nomi che sembrano soprannomi!

D'altra parte, a volte la confusione può avvenire al contrario, e si può pensare che un nome dato sia in realtà un soprannome. Prendiamo ad esempio i nomi Paloma, Henar, Pino, Montaña e Pilar. Questi nomi non hanno nulla a che fare con gli uccelli (paloma significa colomba), o con un luogo dove cresce il fieno (henar è campo di fieno o prato), o con un albero sempreverde (pino significa pino), con una forma del territorio (montaña significa montagna) o con un supporto strutturale (pilar è pilastro). Sono semplicemente nomi ispirati alla religione, che portano il nome delle vergini e dei luoghi in cui sono state trovate o che vengono utilizzati per raccontare queste storie.

Per ora può bastare, non vorremmo creare troppa confusione... Ma vogliamo anche dirvi di non preoccuparvi se i nomi spagnoli vi sembrano un po' troppo complicati! Non potete immaginare il numero di spagnoli che, ad esempio, non sanno che John e Jack possono essere la stessa persona, o che il loro amico russo chiamato Pasha si chiama in realtà Pavel!

Passo successivo

Parliamo! Sfogliate la nostra offerta e lasciate che vi aiutiamo a creare il vostro budget.